Edile Asperianum: Vendita e affitto - appartamenti, uffici e BOX - Bergamo, Treviglio, Gandino, Gorlago, Trescore, Villongo, Sarnico, e in tutta la provincia

Per conoscere meglio Christo L’artista della passerella sul Sebino

Contact An Agent

Il nome è impegnativo ed è ugualmente impegnativo l’obiettivo che si è dato: lui si chiama infatti Christo, e si è preso l’impegno di farci camminare niente meno che sulle acque.

193357416-5c7d226b-8302-4da7-97c2-8bb449d1471f

Il “miracolo” avverrà sul Lago d’Iseo, dal 18 giugno solo sino al 3 luglio: una passerella galleggiante, chiamataThe Floating Piers, di oltre tre chilometri unirà la costa con Montisola e con il piccolo isolino di San Paolo. La passerella in realtà sarà un vero viale sull’acqua, senza ringhiere ai lati e anzi con le sponde che si abbassano a livello acqua; sarà coperta di uno sgargiante tessuto color del sole, che traccerà come un segno di fuoco in mezzo all’acqua. Insomma, siamo di fronte a una performanceche che attirerà decine di migliaia di visitatori e di cui sta già parlando la stampa di tutto il mondo. Ma chi è questo artista che si è imbarcato in un’impresa così folle?

d159e6a8e8bfe7f5989b618559278efb

Il suo nome completo è Christo Vladimirov Javacheff. Oggi ha cittadinanza americana, ma è nato a Gabrovo in Bulgaria il 13 giugno 1935. Nel 1957 fuggì dall’est e arrivò a Vienna, dove potè iniziare a costruire la sua avventura artistica. Christo è in effetti un artista dal profilo strano. Non ha mai pensato che dipingere o scolpire fosse il suo destino. Perché la sua vocazione era quella di dipingere e scolpire direttamente la realtà, senza preoccuparsi troppo delle dimensioni che la realtà aveva. Insomma potremmo definirlo un “artista ambientale”, certamente con una grande vocazione spettacolare.

e871a4924fa5dc83e0590f878f2e0eea bbd619b0e0e6692bd5718b168ec706cd

La data chiave della storia di Christo però è quella di un incontro molto personale: nel marzo 1958 infatti a Parigi conobbe Jeanne-Claude Denat de Guillebon, nata a Casablanca nel suo stesso giorno e nel suo stesso anno. Si sposarono immediatamente e sono stati “un corpo e un artista solo” sino alla morte di lei, avvenuta nel 2009. A Parigi Christo e Jeanne-Claude avevano frequentato gli ambienti del Nouveau Realisme, un gruppo di artisti concettuali che avevano provocatoriamente sconvolto il panorama dell’arte un po’ addormentato della vecchia Europa. Lì Christo aveva messo a punto la sua idea di impacchettare oggetti per farne delle forme artistiche.

3e722cf865266af7111f4d5799bcec95 2f3e136605c3a64834e387784fccb5b1

Ma il vero salto la coppia lo fece nel 1969 quando agli oggetti iniziarono a sostituire pezzi di paesaggio: in quell’anno impacchettarono 93mila metri quadri di costa australiana con un tessuto bianco. Qualche anno dopo fu la volta di alcune isole disabitate al largo della Florida. In questo caso gli isolotti coperti di un tessuto rosa realizzarono l’effetto affascinante di gigantesche ninfee in mezzo al mare. Ma la performance che li consacrò a star mondiali fu l’impacchettamento del Reichstag, a Berlino, nel 1995. Fu un evento epico che attirò nella capitale tedesca centinaia di migliaia di persone: il parlamento tedesco fu coperto da 100mila metri quadri di tessuto di propilene argentato e legato con 15 chilometri di cavi. All’impresa lavorarono 70 climber specializzati ed oltre 120 operai. Ovviamente le imprese di Christo e signora sono imprese impegnative. E quindi diradate nel tempo: l’ultima è stata realizzata nel febbraio 2005 al Central Park di New York, dove vennero montate 7053 porte alte quasi 5 metri, contrassegnate da sipari arancioni. Ovviamente si trattò di un evento che calamitò centinaia di migliaia di curiosi e appassionati, tutti impegnati a seguire quel percorso armonico che la coppia aveva disegnato dentro l’immenso polmone verde della metropoli americana.

082f2baee82d4b828eebc38c8948f653 501d8ca009edd6a2a515633160d1c8d5

Da allora Christo era in attesa che alcune delle idee messe a punto con sua moglie Jeanne-Claude trovassero condizioni di fattibilità. Così è arrivato sul Lago di Iseo dove comuni e privati hanno trovato subito l’accordo per permettergli di realizzare questo progetto che non era riuscito a decollare né in Argentina e né in Giappone. C’è un aspetto del modello Christo che va sottolineato: per realizzare le sue imprese non chiede soldi a nessuno, neanche agli sponsor. Paga tutto lui mettendo poi sul mercato i disegni realizzati per il progetto. In questo caso il budget previsto è di 10 milioni di euro, ma Christo non ha battuto ciglio. A lui bastava avere libertà d’azione rispetto all’idea poetica che aveva in testa. «Ogni nostra opera – ha spiegato Christo (che parla sempre al “noi”, sempre in unità ideale con Jean-Claude) – è fatta per parlare di altre opere. Nel caso di The Floating Piers l’altra opera è il paesaggio che ci circonda. L’opera è l’acqua, la montagna, il cielo, il verde dei boschi. Noi abbiamo “disegnato” l’idea integrando questi elementi che vengono guardati e consumati ogni giorno e che non vengono percepiti e vissuti nella loro profonda bellezza».

Ecco la nuova opera d’arte di Christo: si potrà camminare sul lago d’Iseo

4452926c6ed954b5c2b15d651ba39b72

Dal 18 giugno 2016 si potrà camminare sospesi sulle acque del lago d’Iseo, nel Bresciano, grazie alla nuova installazione dell’artista di fama internazionale Christo: un pontile galleggiante lungo tre chilometri e ricoperto di tessuto dorato cangiante.

Camminare sulla superficie del lago d’Iseo. Un’esperienza quasi mistica, che non poteva che essere pensata dall’artista internazionale Christo, famoso per i suoi interventi di land art, l’arte che modifica il paesaggio. L’artista statunitense (Christo Vladimirov Yavachev il suo nome per esteso), che ha creato un sodalizio sia nella vita sia a livello artistico con la moglie Jeanne-Claude Denat de Guillebon, a giugno 2016 realizzerà un percorso pedonale lungo tre chilometri sospeso sulle acque del lago in provincia di Brescia.

L’installazione resterà visitabile per 16 giorni

L’opera si chiama “The floating piers”, in italiano i pontili galleggianti, e spiega già nel titolo come sarà realizzata: sul lago, da Sulzano a Peschiera Maraglio, saranno poste delle strutture in polietilene ad alta densità, larghe 16 metri e alte 50 centimetri, che saranno poi ricoperte con 70mila metri quadri di tessuto giallo cangiante. Il pontile permetterà di recarsi da Sulzano a Monte Isola e poi all’isola di San Paolo, ammirando il lago e il panorama da una prospettiva del tutto insolita. L’opera resterà visitabile per 16 giorni, dal 18 giugno al 3 luglio 2016, al termine dei quali sarà smantellata e riciclata.

Sul proprio sito Christo, che torna a lavorare in Italia dopo 40 anni, ha pubblicato gli schizzi e i rendering della sua opera: il risultato è già sorprendente. Il lago d’Iseo sarà ricoperto da una “strada” dorata di sicuro richiamo per i turisti. L’opera, talaltro, avrà anche un impatto importante a livello occupazionale: si stima infatti che saranno circa 500 le assunzioni a tempo determinato per costruire e poi gestire l’installazione.

Print Friendly, PDF & Email